Banner title

La carne fa male? Tutta la verità dall’Organizzazione Mondiale della Sanità

0

La carne fa male davvero? Negli ultimi tempi si sono diffuse delle mode alimentari che in alcuni casi lasciano un po’ a desiderare: basta pensare ai fruttariani che come abbiamo visto non seguono una dieta equilibrata ed effettivamente sana. Le estremizzazioni sembrano non essere mai approvate dai nutrizionisti, che ancora continuano a ripetere quanto seguire un’alimentazione sana e variegata sia importantissimo per il benessere dell’organismo. Dobbiamo però riconoscere che la dieta vegetariana continua a riscuotere grande successo, anche tra gli esperti: sono diversi gli specialisti che sostengono questo tipo di alimentazione e tra poco capiremo il perchè. La domanda fondamentale, adesso, è un’altra: la carne fa male o no? Per poter rispondere dobbiamo fare prima una distinzione tra carni rosse e carni bianche: anche secondo i nutrizionisti infatti non si possono mettere tutte sullo stesso piano e quando si dice che la carne fa male si fa riferimento esclusivamente a quella rossa e agli insaccati. 

Questa è una precisazione che già di per sé è fondamentale: molti infatti credono che qualsiasi tipo di carne faccia male, ma per intenderci le carni bianche come il pollo, il tacchino o il coniglio non sono considerate da nessuno come poco salutari o pericolose per la salute! Adesso quindi parleremo esclusivamente della carne rossa e dei lavorati (salumi, affettati ed insaccati di vario tipo). 

La carne fa male? Il parere dell’OMS 

Secondo una ricerca pubblicata dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per rispondere alla domanda “La carne fa male?” bisogna fare una prima distinzione tra carni rosse e carni processate. Mentre infatti queste ultime sono state dichiarate senza troppi dubbi come cancerogene, la carne rossa in genere (come può essere una normale bistecca di manzo per capirci) sarebbe solo potenzialmente cancerogena. Questo significa che dalla ricerca condotta dall’OMS non ci sarebbero sufficienti prove a sostegno del fatto che la carne rossa sia cancerogena alla stregua di insaccati, wurstel e salsicce. 

La carne fa male? Le rivelazioni del British Medical Journal

Molto più recente ma anche preoccupante è quanto affermato dal British Medical Journal, una rivista autorevole che ha pubblicato uno studio proprio sul consumo di carne. Da tale studio emerge un fatto nuovo rispetto alle dichiarazioni dell’OMS: il consumo di carne rossa e di carne processata può portare ad un incremento medio della mortalità pari al 26%. Si tratta di una rivelazione non da poco, che attesta quanto mangiare carne faccia effettivamente male alla salute. 

Essere onnivori non è pericoloso

I dati, però, devono sempre essere interpretati e soprattutto non bisogna mai lasciarsi andare ad esagerazioni ed estremisti che possono, dall’altra parte, provocare seri problemi di salute e scompensi nutrizionali anche molto gravi. Mangiare carne fa male, ma questo non significa che essere onnivori sia nocivo! L’importante, per seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, è preferire sempre le carni bianche (che non fanno male) e soprattutto non eccedere con il consumo di carne. Per intenderci, mangiare carne rossa una volta al mese non influirà sul vostro stato di salute, mentre mangiarla più volte nell’arco di una settimana potrebbe alla lunga influire in modo più determinante. 

Ti potrebbe interessare anche…

 

Share.