Banner title

Mononucleosi: che virus è, come si trasmette, che sintomi provoca e come avviene la diagnosi

0

Il virus della mononucleosi, tutti noi ne abbiamo sentito parlare, ma cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta:

Il virus

La mononucleosi è causata da un virus che si chiama Epstein – Barr EBV della famiglia Herpesviridae. Questo virus era già astato osservato nel 1884 ma sono nel 1964 è stato osservato da due scienziati da cui prende il suo nome.

La trasmissione

La mononucleosi è un tipo di patologia che si trasmetta attraverso la saliva, che può essere nell’aria dopo uno starnuto o colpo di tosse di una persona infetta, ad esempio. Il virus della mononucleosi può anche essere trasmesso dalla condivisione di un oggetto come un bicchiere, una forchetta, dei giocattoli che spesso i bambini portandoli alla bocca infettandoli con il virus.   Ecco perché è molto facile essere infettati dai virus quando si è all’asilo o  a scuola. Anche morsicare una penna e poi prestarla a un amico a scuola può essere un gesto a rischio. Inoltre, i ragazzi spesso usano salutarsi dandosi dei baci sulla guancia e anche questo può essere un modo in cui il virus passa da un soggetto infetto a uno sano, infettandolo. La mononucleosi ha un periodi di incubazione di circa 10 – 15 giorni ma in un adolescente o in un adulto il periodo può arrivare anche a 30 – 50 giorni.

I sintomi

I sintomi della mononucleosi bambini sono comuni e spesso sono scambiati per un semplice stato influenzale o una sindrome da raffreddamento. Dopo il contagio, si presenta mal di gola, faringite, mal di testa, febbre, rush cutaneo, perdita di peso, sudorazione notturna. Il virus colpisce i linfonodi che si ingrossano e poi si diffonde nel sangue.

La diagnosi

Il medico diagnostica la mononucleosi bambini osservando i sintomi nel loro insieme. Per confermare la diagnosi, il medico curante prescrive al paziente colpito alcuni esami del sangue specifici per ricercare la presenza del virus. In presenza di mononucleosi, i linfociti e i monociti si presentano in gran numero, infatti.

Per avere altre informazioni utili riguardo alla mononucleosi bambini e giovani, è sufficiente visitare il sito web: mononucleosi.eu

Share.